Dramione

Dramione

martedì 29 novembre 2011

CELYAN – JEALOUSY



Celyan è l’autrice di storie bellissime, come “The Greatest Fall” e “Lay me to Sleep”. La prima, conclusa ormai mesi addietro, ha certamente contribuito alla fama di Celyan come una delle migliori autrici di Dramione ancora attive.







Raramente Draco Malfoy ammetteva i propri errori.
Solo sporadicamente i suoi vaghi silenzi potevano essere interpretati come un'ammissione di colpa, ed esclusivamente da un numero strettamente limitato di persone.
Il tutto poteva essere tradotto come uno strano caso di selezione naturale, in cui solo i più forti erano in grado di sopravvivere ad una costante vicinanza col soggetto incriminato.
Quel giorno in particolare, la soglia di coraggiosi era drasticamente diminuita a causa di un incidente che definire diplomatico sarebbe stato riduttivo.
-A volte mi chiedo cosa ti spinga a commettere certe idiozie.-
Una porta sbattuta con ben poca eleganza ed un tono di voce colmo di biasimo e frustrazione segnarono l'entrata di Hermione Granger all'interno della minuscola stanza occupata dallo Slytherin in Grimmauld Place.
-Chi ha fatto la spia?-
Per uno Slytherin era facile urlare al tradimento ogni qual volta il silenzioso ed implicito patto di omertà che li proteggeva veniva infranto. In compenso, loro avevano decisamente più margine di sincerità ogni qual volta si doveva denunciare un Gryffindor o, semplicemente, qualsiasi altro essere umano non gradito.
-Il labbro spaccato di Ron. Ecco chi me lo ha detto.-
Giusto. Quello era stato un colpo formidabile, pensò con soddisfazione.
-E l'occhio nero di Harry.-
-Quella è opera di Blaise.- si discolpò velocemente lui, alzando le mani in segno di totale impotenza. -Ti avevo promesso che non avrei sfiorato Potter nemmeno con un dito.-
Il suo movimento provocò un susseguirsi di ombre sottili attorno a loro, superficialmente illuminati dalla luce del fuoco che ardeva nel camino.
-La tua promessa diventa del tutto irrilevante alla luce dei fatti.- 
E i fatti consistevano in una stupida rissa da bar di pessima categoria.
-E comunque, cosa mai potranno averti detto?-
Gryffindor, stupidamente sinceri anche nell'ammettere di provocare l'avversario.
-Non me lo ricordo.- rispose Malfoy con un movimento del capo, stendendo le gambe davanti a sé e spingendo le spalle contro la morbida imbottitura della poltrona.
Lei si manteneva dietro di lui, ritta e immobile con le mani ben piantate sui fianchi, solo per impedirsi di cercarlo con lievi tocchi gentili.
A volte la debolezza e la voglia di cedere prendevano il sopravvento, lasciando cadere qualsiasi altra argomentazione razionale.
-Vieni qui.-
-No.-
-Perché?-
E improvvisamente nessuna risposta sembrava giusta. O semplicemente... sensata.
Così si limitò ad ingoiare languide ed inutili parole, non da loro, per limitarsi ai fatti. 
Sedersi al suo fianco, sul bracciolo della poltrona, e attirare quella stupida testa bionda contro il proprio petto era stato estremamente facile, come se le si fosse sciolto un nodo in gola e tutto fosse tornato alla normalità.
Dita sottili tra i capelli e un respiro regolare lo cullavano in un personalissimo stato di ubriachezza, portandolo a stringerla tra le braccia come un bambino e spingere il volto contro il suo petto.
-Malfoy stai approfittando della situazione.-
-Lo so. Ho una certa esperienza in merito.-
“Quando si renderà conto dell'errore commesso ti lascerà, Malfoy.”
No, non sarebbe stato abbastanza virile ammettere di essersi battuto per quello.

15 commenti:

  1. è una piccola perla. Studiata con intelligenza e misurata con parole che conoscono la dimensioni di certi sentimenti.
    Draco Malfoy è così terribilmente se stesso che la parte finale, oltre a suscitare un pizzico di meraviglia come dovrebbero fare tutte le chiuse, inevitabilmente fa spuntare anche un sorriso di compiacimento.
    Non solo hai descritto una bella scena, ma hai anche beccato l'inquadratura più affascinante.
    Ti ho scoperta da un po' con Lay me to sleep e nell'attesa di elaborare un commento più soddisfacente per quella storia, sono stata felice di leggere il tuo modo di approcciarti a lavori più brevi. Complimenti!

    Atopika

    RispondiElimina
  2. Oh, meraviglia.
    Stupendo Draco nel suo essere immancabilmente se stesso e stupenda Hermione.
    Concordo con Atopika, è una perla. Scritta in modo divino e curata nei minimi dettagli, un frammento di vita che effettivamente si adatta a loro.
    Tra l'altro hai realizzato uno dei miei desideri, finalmente una storia dove si parla di gelosia, ultimamente sembrano introvabili.
    Splendida.
    Appena ho un momento corro a leggerti anche su EFP.

    Acqua

    RispondiElimina
  3. Ma quanto sono incredibilmente dolci, pur non essendolo? Sono esattamente loro, con i caratteri difficili di cui la Rowling li ha dotati, ma così innamorati che è impossibile non sorridere e provare tenerezza leggendo queste tue parole. Complimenti davvero!

    Emily

    RispondiElimina
  4. Che dire, non ho parole! Non ti smentisci mai e riesci anche in poche parole a creare situazioni che fanno sorridere e sognare! Il tuo Draco è così reale e così lui che ogni volta mi chiedo come cavolo ci riesci... Domanda retorica perchè la tua bravura c'è e si vede! Grazie per averci regalato questo piccolo momento!
    ilala85

    RispondiElimina
  5. Non ho mai letto niente di tuo, ma leggendo questo piccolo frammento penso che correrò immediamamente a leggerti. Draco ed Hermione in questo piccolo frangente sono a dir poco...eccezionali. E' una piccola meraviglia...l'ottava meraviglia del mondo!
    Complimenti, e grazie per aver scritto questo piccolo miracolo.
    Pasticcosa

    RispondiElimina
  6. Questo quadretto é delizioso! Come Emily ha già notato Draco ed Hermione sono teneri senza essere sdolcinati e dannatamente fedeli ai loro personaggi (lui appare viziato, infantile e cocciuto, lei saputella e responsabile), pur inseriti in un contesto che la Rowling non ha mai immaginato per loro; quel che non é fedele alla Rowling e che costituisce il punto originale della tua dramione é il motivo che ha scatenato l'ira di Malfoy. Si tratta quasi di un inciso, eppure caratterizza tutta la flash fiction ed é proprio quell'inciso che fa sciogliere il cuore delle lettrici. E tutto l'insieme lo ottieni in due brevi, ma estremamente efficaci pennellate!
    Complimeti davvero: il blog non poteva essere inaugurato da una storia migliore.

    RispondiElimina
  7. Io adoro questa donna. La adoro.

    RispondiElimina
  8. Meravigliosa..non ci posso credere mi hai lasciato a bocca aperta in poche righe.
    Non ho mai letto nulla di tuo ma dopo questa Flash corro immediatamente.
    Grazie per averci regalato questo piccolo tesoro di scrittura.

    RispondiElimina
  9. Oh come cavolo è realistica questa flashfic!!! Anche io seguo "Lay me to sleep" e la trovo ecceziole. (Anche se sono una cattiva lettrice, non recensisco mai!=S )Estremamente bella!!!

    RispondiElimina
  10. Incredibile...."Dita sottili tra i capelli e un respiro regolare lo cullavano in un personalissimo stato di ubriachezza"... Sto leggendo "The Greatest Fall" e fatico a pensare che devo anche mangiare tra una pagina e l'altra :)

    RispondiElimina
  11. l'unica cosa che non mi spiego è: come diamine ho fatto io a non leggerla questa!? xD

    RispondiElimina
  12. Ma come fai? Le divoro le tue storie e ogni volta che Ti rileggo ho un sorrisino ebete stampato in faccia... Appaghi enormemente il mio bisogno di romanticismo, ma mai sdolcinato! Brava.

    RispondiElimina
  13. Potete chiederle se mi cede un pizzico del suo talento?

    Scarlett White

    RispondiElimina
  14. Grazie a tutte ragazze (Atopika, Acqua, Emily, Ila, Pasticciosa, Carlotta, Mirya, Beatrice, Fortuna, Caterina, Lovepotionno-9, Marilena, Scarlett White) gentilissime come sempre! Riuscire a pubblicare qualcosa dopo più di un mese è goduria pura e voi date immense soddisfazioni.
    Celyan.

    RispondiElimina